La S.S.D. di Epidemiologia ed Educazione Sanitaria lavora nell'ambito del Dipartimento di Prevenzione dal 1998 in staff alla Direzione dello stesso Dipartimento. Nei dieci anni di lavoro ha sviluppato quattro linee di attività:
  • Indagini Epidemiologiche
  • Promozione della Salute
  • Formazione del Personale Sanitario
  • Profili di salute

In questi ambiti collabora con molti dei Servizi Territoriali delle ASL torinesi; ma anche, in un'ottica di integrazione e di rete con il territorio cittadino, con i Servizi Sanitari e i Servizi Sociali della Città. Fin dall'inizio dell'attività questa struttura si è avvalsa di risorse finanziarie sia regionali (ricerca finalizzata) che nazionali (ISPESL, Ministero della Salute), collaborando a studi multicentrici di cui, come nel caso della prevenzione degli incidenti domestici, ha avuto la responsabilità del coordinamento regionale e consulenze ministeriali.

La struttura è inserita nella rete regionale dell'Educazione Sanitaria (Repes) afferente al Centro di Documentazione Regionale (DORS).

L'epidemiologia rappresenta lo strumento di lavoro cardine della medicina preventiva e di comunità poiché permette quei confronti temporali e spaziali grazie ai quali è possibile definire i piani di lavoro e valutarne i processi ed i risultati. Questa Struttura collabora con alcuni Servizi Territoriali ai processi di informatizzazione, all'analisi ed alla lettura dei dati raccolti nei servizi. La Struttura, inoltre, partecipa ad indagini ad hoc di cui cura la conduzione e l'analisi.

Grande attenzione è rivolta alla Scuola con la quale, negli anni, sono stati attivati progetti di promozione della salute per gli allievi della scuola elementare, media e superiore. Negli anni è stata continua la ricerca per trovare strumenti di comunicazione efficaci per le diverse fasce di popolazione cui erano rivolti i programmi di prevenzione; avvalendoci della consulenza di esperti nella comunicazione di volta in volta sono stati utilizzati strumenti di grafica come il fumetto o strumenti informatici come il videogioco; si sono utilizzati filmati e percorsi di animazione teatrale, momenti di autoconsapevolezza e educazione tra pari.

Per i genitori dei bambini più piccoli sono stati promossi interventi di informazione sui temi delle vaccinazioni e sulla sicurezza della casa, coinvolgendo i reparti di ostetricia degli ospedali cittadini, i pediatri di libera scelta, i consultori pediatrici e gli ambulatori vaccinali, sempre nell'ottica della creazione di alleanze e della prevenzione come funzione diffusa.

Anche per gli anziani sono stati curati programmi per la prevenzione del rischio in casa e, nell'ambito del progetto "Guadagnare Salute" è stata promossa, in collaborazione con le Circoscrizioni, l'attivazione dei "Gruppi di Cammino".

Per le competenze presenti all'interno della struttura, il contributo dato alla formazione riguarda gli ambiti della "relazione", della "metodologia epidemiologica e della lettura dei dati", degli aspetti legati alla "qualità del servizio ed alla valutazione" e, per gli aspetti tecnici e programmatici le "vaccinazioni pediatriche", la "medicina dei viaggi" e gli "incidenti domestici", la "prevenzione delle malattie infettive". Anche per la formazione l'offerta è trasversale rivolgendosi alle diverse figure professionali operanti sia nei servizi territoriali che ospedalieri, nell'ottica del confronto e del rendere, per quanto possibile, omogenei le conoscenze ed i linguaggi. Questo aspetto è fondamentale nell'attività di promozione della salute rivolta agli utenti che spesso sono disorientati dalle informazioni diverse che ricevono dagli operatori ai quali si rivolgono.

Il lavoro sui Profili di salute, propedeutico alla costruzione dei Piani di Salute, viene condotto in collaborazione con l' Assessorato alle Politiche Sociali del Comune di Torino e con le Circoscrizioni afferenti al territorio dell'ex ASL 1 (Circoscrizioni 1, 8, 9 e 10). Il lavoro prevede l'analisi e l'interpretazione dei dati socio sanitari provenienti dagli archivi anagrafici e sanitari, ma anche approfondimenti di indagine su piccole aree, relativamente a problemi specifici per territorio. La costruzione del "profilo di salute" di una popolazione richiede un intenso lavoro di rete tra i diversi servizi, volto a ricostituire quello che è il tessuto sociale di un territorio e quindi ciò che nel complesso determina lo stato di salute dei cittadini.

Questa Struttura si pone come obiettivo quello di lavorare in modo integrato con gli altri Servizi del Dipartimento di Prevenzione e con quanti operano sul territorio nei Servizi Sociali e Sanitari, per collaborare a far crescere nei cittadini la consapevolezza nella scelta di stili di vita sani e nella percezione del rischio.

Il gruppo di lavoro:

Rosa D'AMBROSIO
Dir. Medico Igiene Epidemiologia e Sanità Pubblica

Giorgiana MODOLO
Collab. Prof.le Sanitaria Esp.

Rosa CUCCIA
Collab. Amministrativa Prof.le Esp.

Flora SCARDIGNO
Collab. Amministrativa Prof.le


La Prevenzione è uno stile di vita, insieme possiamo promuoverla.

Tutti i materiali presentati possono essere richiesti al fine di utilizzarli in attività di Promozione della Salute.